Muso alto o muso basso?

Per molti anni il comune senso dell’estetica per un’automobile da corsa ha reclamato una forma bassa, larga e aggressiva, acquattata al suolo come un felino pronto a spiccare il balzo, e con un muso basso, anzi bassissimo a s orare il terreno, ed a cucchiaio per evitare la formazione di un cuscino d’aria sotto la vettura il quale, si pensava, potrebbe sollevarla da terra con e etti catastro ci. Questa  loso a ha retto
spavaldamente la scena  no a quando, alla ne degli anni settanta (era il 1977), Colin Chapman ed i suoi collaboratori hanno introdotto, in Formula 1 sulla Lotus 78, il concetto  sico chiamato “e etto suolo” che
utilizza invece proprio l’aria che scorre sotto la vettura per tenerla attaccata alla pista.
Uno stravolgimento di idee totale!

articolo in pdf da scaricare - pubblicato su epocAuto 2-2018 a firma di Marco Giachi

Vignale 1

 

 

Cerca tra gli annunci