01 Ayrton Perrys 1881 first electric car

Una bella Volugrafo restaurata. Ogni modello aveva piccole differenze, nel parabrezza, sedili o altri dettagli.

 

Marche Italiane Scomparse

VOLUGRAFO, 1946-1948

su epocAuto di maggio a cura di Nino Balestra - 

L’unica micro vettura che ebbe un minimo successo nel secondo dopoguerra.

Volugrafo è una azienda torinese specializzata sin dagli anni Trenta del ‘900 nella fabbricazione di cisterne, rimorchi e distributori di benzina, assorbita poi dalla produzione bellica. Finita la disastrosa seconda guerra mondiale nell’aprile del ’45, per tutti si pone il problema della ripresa e della riconversione industriale. Volugrafo si dedica alla costruzione di scooter, per poi passare ad una micro vettura, la Volugrafo 46, meglio nota come “Bimbo”. S

Sono giorni aspri, feroci, carichi di odi repressi, con durissimi scontri in molte città e paesi, soprattutto nel nord Italia, dove avvengono attentati, violenze, fucilazioni. Ma bisogna riprendere a vivere, a produrre i beni più necessari a muoversi. E’ un fiorire di micromotori da applicare alle biciclette, magari semi arrugginite e riemerse dalle cantine. C’è chi pensa allo scooter ed all’automobile. La più economica sul mercato è, al primo momento, la Fiat 500 “Topolino” offerta con tetto apribile nelle Concessionarie a 260.000lire (che poi cresceranno di mese in mese), ma in realtà per poterla avere spesso è necessario sborsare un sovraprezzo del 25 o anche del 50 per cento in più. Nello stesso 1946 un operaio dell’industria guadagna circa 10/12.000 lire almese. Per lui la Topolino è un sogno irrealizzabile...

L'articolo completo è su epocAuto di maggio. 

 


cop1 2020 1

 

 

 

 


 HOME · ANNUNCI · NEWS · AGENDA · APPROFONDIMENTI · SHOP · ABBONAMENTI · CONVENZIONI 


NEWS E ARTICOLI

Cerca tra gli annunci

 

HttP://Www.pezzidiricambio24.it/

Www.Auto-doc.it